Nei secoli , pur di tenere in pugno la popolazione, i governanti , sia sotto mentite spoglie di democrazia o ,più apertamente, con  le vesti di veri e propri "dittatori, hanno elaborato le strategie più variegate per restare al potere il più a lungo possibile. 

Con il terrore o con il falso buonismo o ,peggio ancora, ergendosi a difensori del popolo, in nome della sicurezza e del bene comune hanno sfruttato sapientemente le

naturali paure umane, inculcandole lentamente ma costantemente nell'animo della gente, coltivandole quotidianamente nella stessa mente dei poveri inconsapevoli "bonaccioni".

Così nel terzo millennio, aggirando la volontà del popolo espressa liberamente con il voto, i governanti di diversi Paesi del Mondo in più occasioni hanno dato vita a veri e propri colpi di stato ,incruenti per fortuna, sovvertendo i risultati usciti dalle urne, per cui, chi governa oggi, non è il frutto di una maggioranza riconosciuta e voluta dal popolo ma di un gioco di poltrone avallato da chi avrebbe dovuto salvaguardare l'interesse della collettività.

Nell'anno 2020 ,poi, il colpo di fortuna nelle disgrazie altrui: si suol dire, non sempre una disgrazia è disgrazia, ed aggiungo, soprattutto quando da quella disgrazia, che diventa "altrui", si coglie l'opportunità dell'ennesimo colpo di mano.

Ed ecco che, in soccorso involontario di quello sparuto manipolo di "non aventi più alcuna maggioranza", è arrivato come manna dal cielo il morbo del secolo : il coronavirus!

Un Presidente del Consiglio (sicuramente colpevole di ritardi, omissioni e superficialità) ergendosi immediatamente a salvatore della Patria, inizia a legiferare con i suoi tanti DPCM -decreto presidente del consiglio- : questo, però, è il male minore, perchè gli organi di informazione, volutamente o coinvolti loro malgrado in questo gioco al massacro, hanno bombardato giorno e notte le nostre menti con numeri, con filmati , con statistiche che ci hanno spinto sempre di più in uno stato depressivo creando così paure ed ansie, spingendoci sempre di più in quel vuoto sociale, in quel distanziamento umano che consente ai pochi di governare sui molti.

Non scendiamo in discorsi puramente tecnici, legali o costituzionali, non vogliamo polemizzare, vogliamo solo manifestare la nostra nausea di fronte a cotanta arroganza politica ed umana!

Non vogliamo sminuire o minimizzare il pericolo infettivo di questo virus fin ora sconosciuto ed ora solo parzialmente conosciuto, ma non ci sembra tollerabile che una emergenza sanitaria a livello mondiale debba essere sfruttata per fini politici! 

Non vogliamo essere tacciati di essere "negazionisti", perchè riconosciamo l'esistenza e la pericolosità infettiva del coronavirus ma riteniamo anche di essere abbastanza consapevoli e responsabili , di avere le capacità mentali di tutelare la nostra e l'altrui salute!

Certo, i contagi in questo ultimo periodo sono risaliti ma anche questo dipende dalla cattiva informazione e dalla troppa superficialità con cui si è affrontata l'emergenza sanitaria, soprattutto per la parte che riguarda i giovani: per mesi è stato ribadito, senza alcun riscontro scientifico,  che questo virus colpiva solo le persone anziane mentre ne erano immuni  giovani e bambini!

Ma quasi sicuramente questa recrudescenza dipende anche dalla riconquistata effimera libertà dopo settimane di "arresti forzati al domicilio", dalla mancanza assoluta di controlli del rispetto delle regole e , cosa ancora più grave, da un'accoglienza incontrollata di centinaia di immigrati clandestini che non solo sono in parte, per fortuna piccola, portatori del virus ma anche intolleranti al rispetto delle regole del Paese che li ospita con tanta buonismo umanitario! 

Dividi e così comanderai indisturbato: la sanità è stato lo strumento politico, fortunato e fortuito, che ha consentito ai governanti di continuare a restare incollati alle proprie poltrone oltre il limite della tollerabilità!

Ora però si sta arrivando alla resa dei conti e pur di ritardare il più possibile questo momento si stanno architettando nuovi sotterfugi ,sempre sanitari, per frenare il più possibile il processo di cambiamento.

La sanità può essere un valido strumento politico per soggiogare la gente ma non può certo nascondere l'incompetenza e l'arroganza!

Lone Wolf