Stampa
Categoria: Editoriale
Visite: 963

 

Quanti di voi ricordano il programma dei giochi senza frontiere?

Bello, divertente, innocente ma soprattutto animato da puro spirito agonistico e campanilistico senza, però, nessuna forma di razzismo verso gli altri.

Ora il gioco non c’è più e con il gioco sono andate via le speranze, le illusioni di un mondo più bello, più pulito e certamente più sano!

Tanti anni fa, nel 1989 cadeva il muro di Berlino, finiva un’epoca buia, il mondo sembrava più unito, ma ancora una volta una grande illusione…un muro caduto a fronte di mille muri economici e politici costruiti dalla mente perversa di qualche politico o dalla ingordigia della ricca borghesia…o dio denaro, cosa non ti inventi pur di arricchire sempre di più i tuoi fedeli!?!

Le frontiere materiali sono cadute a colpi di piccone ma le frontiere sociali, quelle no, continuano ancora ad esistere e si ergono sempre più alte…disuguaglianza, divario enorme tra i poveri, sempre più poveri ed in continua crescita, ed i pochi ricchi sempre più ricchi, arricchitisi nel tempo col sangue della povera gente!

Si temeva un terzo conflitto mondiale, ma sembra che stiamo al quarto o quinto conflitto mondiale: attentati, attacchi terroristici, speculazioni soprattutto sulle motivazioni della guerra!

Italiani, popolo silente, cieco e sordo…un branco che segue senza riflettere questa o quella scelta politica, un popolo che pure ha grandissime facoltà mentali ma troppo affamato per fermarsi un attimo a riflettere!

E come potrebbe essere diversamente? La necessità, il bisogno offusca la mente…e così si vive di piccoli espedienti, brancolando nel buio di una vita monotona e senza futuro.

Basta accendere la televisione per rendersi conto di come siano cambiate le cose, di come sia cambiata la gente, di come chi ci amministra non sia affatto un nostro amministratore ma il nostro padre-padrone.

Ed allora non ci scandalizza più il sapere che questo o quel politico è stato indagato o condannato, che questo o quel professionista lucrava sulle disgrazie di qualche povero disgraziato o questo o quel dipendente è un assenteista…

Iniziamo di nuovo a giocare senza le frontiere, ma stavolta senza frontiere mentali e sociali!

Lone Wolf