Ambiente

 

L’autunno è solitamente la stagione più triste dell’anno, in particolare in quest’anno 2019 è anche particolarmente piovosa, pur tuttavia offre scenari naturali di particolare effetto, dato dalla varietà dei colori che nessun’altra stagione produce.

Se il verde prevale, in autunno dominano le varianti di rosso che vanno fino al giallo ed al marrone.

 

 

Cara Greta

Innanzitutto, permettimi di chiamarti Creta (Crete), e farti sentire più vicina alla terra, al globo che tanto ami.

Di creta si dice sia fatto l’uomo, quindi tutti noi, chi più chi meno, amiamo la terra.

 

Campania: terra dei fuochi!

Terra solo dei fuochi? 

Emergenza diossina, emergenza rifiuti, emergenza criminalità, emergenza microdelinquenza: perbacco, siamo il Paese delle mille emergenze, abbiamo il record della negatività!

 

 

Il 6 giugno 2017 un comunicato stampa rilasciava un appello dell’associazione Medici Senza Frontiere: “Siamo di fronte a una terribile emergenza sanitaria”.

I medici dicono che mai come ora hanno riscontrato un numero così alto di bambini sottonutriti e malnutriti in Africa.

 

Agenda 2030 è il programma di sviluppo delle Nazioni Unite, implementato per il periodo 2015-2030.

Ha preso avvio dalla fine del precedente programma - sempre di quindici anni - chiamato Millennium Development Goals.

Sembra che un tal intervallo temporale sia abbastanza lungo per realizzare progetti di sviluppo, che richiedono molto tempo, e abbastanza corto per avere tempo di effettuare verifiche sulla loro validità.

Il 22 maggio si svolgerà a Napoli, al Palazzo Reale, il Festival dello Sviluppo Sostenibile, organizzato dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASVIS), dal titolo “Disegniamo il futuro. Cambiamo il presente”, con il logo: “Per dare un futuro alla vita e valore al futuro”.

Lo sviluppo sostenibile costituisce uno dei progetti più ambiziosi della Commissione delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (UNCTAD), nato dalla Conferenza per lo Sviluppo del 1972 e canonizzato dalla definizione Brundtland: “Lasciare alle generazioni future quello che le generazioni passate hanno lasciato a noi”.

 

 

La scoperta è avvenuta per caso, merito di una biologa Italiana, Federica Bertocchini, con l’hobby per la policoltura e l’abitudine, in inverno, di tenere gli alveari vuoti in casa.

Nel tirarli fuori per la primavera, l’anno scorso si è accorta che erano pieni di bachi; li ha ripuliti raccogliendoli in una borsa di plastica.  Qualche ora dopo, la borsa era piena di buchi e le larve libere.